apertura partita iva

Apertura partita iva: come si procede?

Ci arrivano spesso richieste su quale sia la procedura corretta per l’ apertura della partita iva, quali siano i requisiti per poterla ottenere e soprattutto quanto costa. Abbiamo quindi deciso di redigere questo breve articolo in cui elencheremo in maniera schematica gli step necessari per poter richiedere questo regime fiscale e darvi qualche suggerimento su come gestirla al meglio. Non ci resta dunque che augurarvi una buona lettura.

Per prima cosa è fondamentale identificare le due tipologie principali di partita iva attualmente disponibili: quella denominata a regime dei minimi è pensata per agevolare i giovani che stanno per avviare la loro prima attività, mentre quella a regime forfettario è indicata per coloro che godono già di un’ attività ben avviata e desiderano incrementare la propria soglia di guadagno. Entrambe hanno requisiti e benefici differenti che non staremo qui a descrivere, ma vi rimandiamo a questo link dedicato all’ apertura della partita iva per ulteriori approfondimenti.

Una volta scelto il tipo di regime che più vi si addice, è necessario compiere i seguenti step:

  • Compilare e consegnare all’Agenzia delle Entrate il modello AA9/12 in caso di persone fisiche o AA7/10 in caso di soggetti diversi. Consiste nella dichiarazione di inizio attività e va consegnata entro 30 giorni dall’inizio della propria attività professionale autonoma. I modelli andranno consegnati presso l’Agenzia delle Entrate con allegato un documento di riconoscimento valido.
  • Scegliere il codice ATECO relativo all’attività che si intende svolgere.
  • Aprire una posizione previdenziale all’INPS necessaria al pagamento dei contributi
  • INAIL assicurazione obbligatoria
  • Scegliere il regime fiscale.

Congratulazioni, adesso disponete della vostra partita iva e siete pronti per cominciare la vostra attività! Ultimo punto su cui soffermarsi sono i costi di gestione. Va premesso che l’apertura di una partita iva è completamente gratuita, salvo le eventuali spese di servizio da parte ad esempio di un commercialista che vi ha assistito eccetera.

La tassazione e le spese di gestione invece sono un altro discorso che richiederebbe un articolo a parte, per ora vi basti sapere che dipende molto dalla tipologia di attività svolta. Al link che vi abbiamo postato poco più su troverete anche una tabella informativa con alcune stime.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *